26 May 2012

Il supereroico

"Io ho maturato per quanto mi riguarda la personalissima opinione che il supereroico in sé, come genere, è per bambini e ragazzi. Sforzarsi di fare storie "adulte" con questo genere è secondo me fatica male indirizzata.
Trovo il supereroico una sottospecie di fantascienza che, finché rimane per ragazzi, svolge una sua funzione anche formativa, per certi aspetti (specialmente sul senso del meraviglioso e sulle fantasie di potenza) e la sua funzione dovrebbe terminare con l'inizio della giovinezza adulta (diciamo dai vent'anni).
Le vendite sono calate negli ultimi trent'anni perché gli autori hanno pensato di dover indirizzare le loro storie ai lettori ex bambini che avevano amato i supereroi negli anni Sessanta e Settanta, perdendosene ovviamente milioni per strada, e non acquistando mai lettori delle nuove generazioni."

Marco Pellitteri su Facebook


admin




Name:
E-mail: (optional)
Smile: smile wink wassat tongue laughing sad angry crying 

| Forget Me